mercoledì, dicembre 13, 2006


Speciale pennivendoli



Prestigiosi riconoscimenti.




Da mettere nel presepe.




Ieri tre pagine, oggi ops.


6 commenti:

Zak ha detto...

Visto che in Italia non abbiamo giornali ma rotocalchi, non mi scandalizzo piu'.

(no, non e' vero: ieri ho visto il "sondaggione on line" del TG1 e mi sono girate parecchio...)

Fele ha detto...

indicarlo come sospetto sarebbe anche stato normale, dopotutto non si sapeva dove stava, ma proprio come dici te...figura di merda...degna del miglior Calderoli

macisteVsfreud ha detto...

poi dicono: diritto di cronaca. Forse non insegnano più a verificare le notizie prima di diffonderle. E soprattutto rimangono impuniti (in Italia. Il direttore della BBC per una notizia rivelatasi falsa si è giocato il posto. Quispacciamo per fonti di informazioni Studio Aperto...diomio)
Maciste (voglio emigrare.infretta)

Alessio ha detto...

Non so cosa sia accaduto in Italia, ma lo intuisco...d'altronde da quando sono qui in spagna, tu sei il mio giornale...e ti leggo anche per sapere che accade in Italia.

PS.:Ho un blog che andrà a sostituire il mio sito, quando hai tempo facci un salto...ciao.

Icelord ha detto...

bello l'ovile! :D

Haku ha detto...

Il fatto è che ormai sti "giornalisti" (chiamiamoli così) sperano solo di scoprire che assassini o pedofili siano fuori grazie all'indulto, perché così cavalcano lo sdegno popolare e vendono di più.
Nelle prime ore dopo la strage ho litigato furiosamente con un amico il quale, peddissequamente, sosteneva che l'indulto è la piaga del 2000.
Fermo restando la tristezza per l'evento criminoso, ovviamente, sono contento di poter dire a lui e tutti quelli come lui "Pecorone!"

Comunque i giornali possono ancora sperare che i veri assassini siamo in libertà grazie all'indulto...